Warning: Declaration of Taxonomy_Drill_Down_Widget::init($file) should be compatible with scbWidget::init($class, $file = '', $base = '') in /home/customer/www/csrinrete.it/public_html/wp-content/plugins/query-multiple-taxonomies/widget.php on line 11
La responsabilità sociale conviene: ecco perché comunicare la CSR genera business | CSR Veneto
8
Novembre 2018

News di

La responsabilità sociale conviene: ecco perché comunicare la CSR genera business

“Fare” responsabilità sociale d’impresa non ha senso se non si decide anche di “comunicare” la responsabilità sociale d’impresa, di comunicare la cultura che un’impresa rappresenta. Lo dimostra, tra gli altri, uno studio del Reputation Institute: il 40 per cento della…

“Fare” responsabilità sociale d’impresa non ha senso se non si decide anche di “comunicare” la responsabilità sociale d’impresa, di comunicare la cultura che un’impresa rappresenta. Lo dimostra, tra gli altri, uno studio del Reputation Institute: il 40 per cento della performance di un’azienda deriva da aspetti puramente reputazionali. Ne hanno preso consapevolezza, ne sono certo, tante imprese coinvolte nell’articolato percorso strutturato da Ascom nell’ambito di Responsabilmente – promuovere l’innovazione sociale e trasmettere l’etica, il bando della Regione del Veneto per incoraggiare l’adozione, da parte delle imprese venete, di modelli di responsabilità sociale d’impresa.

La reputazione conviene: gli studi di Reputation Institute

La ricerca 2017 Global RepTrak® 100 di Reputation Institute dimostra che esiste una correlazione tra il livello reputazionale di un’impresa e la propensione che clienti e stakeholder hanno a interagire con essa. L’infografica pubblicata qui sotto, tratta dalla stessa ricerca, parla chiaro: un’impresa con reputazione eccellente vedrà 8 persone su 10 inclini ad acquistarne i prodotti, dato che scende a 5 su 10 per le imprese con reputazione forte, 3 per quelle con reputazione media, 1 per quelle con reputazione scarsa. Dinamiche simili si registrano rispetto alle ipotesi di raccomandarne i prodotti, parlarne bene, andarci a lavorare, investirci.

Un’ottima reputazione – quella, per esempio, derivante da una politica di CSR ben attuata e ben comunicata – può dunque favorire i processi di acquisto, gli investimenti, l’attrazione di talenti.

Quanto vale la responsabilità sociale d’impresa?

Gli studi del Reputation Institute aiutano anche a “monetizzare” la reputazione, fissando un dato impressionante: secondo la ricerca “Reputation, Value and Financial Performance”, il 40% delle performance aziendali derivano da fattori non finanziari legati al «reputation ecosystem», che comprende i rapporti degli analisti, la performance nelle politiche di responsabilità sociale, l’esposizione sui media, la pubblica opinione.

Diventare un medium per alimentare il business

Ecco perché per un’impresa è centrale imparare a costruire un piano editoriale che la sappia raccontare. L’impresa stessa deve diventare un medium, capace di narrare se stessa e di consolidare il dialogo con i propri clienti, con i partner, con gli stakeholder, costruendo un sistema di comunicazione che accompagna il sistema di valori che l’impresa rappresenta. La comunicazione corporate deve dunque trasformarsi: abbandonato l’effetto patinato della brochure, del video ad effetto, della grande azione estemporanea, deve diventare dialogo, movimento quotidiano, cronaca giorno per giorno. Una fonte d’informazione – credibile perché vera – che alimenta il rapporto con il proprio sistema di riferimento. Generando così profitto.

Domenico Lanzilotta

Blum. Comunichiamo l’innovazione