Warning: Declaration of Taxonomy_Drill_Down_Widget::init($file) should be compatible with scbWidget::init($class, $file = '', $base = '') in /home/customer/www/csrinrete.it/public_html/wp-content/plugins/query-multiple-taxonomies/widget.php on line 11
Fattoria La Costa, dove l’inclusione incontra il vino (e rende unico prodotto) | CSR Veneto
8
Novembre 2018

News di

Fattoria La Costa, dove l’inclusione incontra il vino (e rende unico prodotto)

Unire l’inclusione sociale e l’unicità del prodotto: questa la formula che Fattoria La Costa, azienda agricola di Sarcedo, nelle colline dell’Alto Vicentino, mette in pratica da tempo, coniugando produzione vinicola, agriturismo, ospitalità e opportunità di lavoro per persone diversamente abili….

Unire l’inclusione sociale e l’unicità del prodotto: questa la formula che Fattoria La Costa, azienda agricola di Sarcedo, nelle colline dell’Alto Vicentino, mette in pratica da tempo, coniugando produzione vinicola, agriturismo, ospitalità e opportunità di lavoro per persone diversamente abili. Che “mettono la firma” su ogni bottiglia dipingendone le etichette, che diventano così dei veri e propri pezzi unici.

«Siamo un’azienda agricola con circa 20 dipendenti, produciamo 50 mila bottiglie all’anno di vini autoctoni, da vitigini del territorio – racconta Tommaso Simionato, direttore di La Costa –. Inoltre gestiamo un’agriturismo che offre ristorazione e ospitalità. L’aspetto interessante della nostra azienda è che fin dall’inizio abbiamo voluto praticare l’inclusione lavorativa, pur senza avere alcun obbligo derivante dalla legge 68 del 1999. Su circa venti dipendenti, infatti, ci sono sette persone disabilità che lavorano presso di noi, di cui tre assunte in azienda, tutto questo senza alcun costo per la collettività».

È questa una delle best practice coinvolte dalla Fondazione Centro Produttività Veneto nell’ambito del progetto “Comunità e ambiente responsabili nel territorio vicentino” finanziato dalla Regione attraverso il Fondo sociale europeo con il bando “Responsabilmente” (DGR 948/2016). Una storia che è stata raccontata in prima persona da Simionato nel corso dell’evento «Gli impatti della Responsabilità sociale d’impresa e di territorio nella Provincia di Vicenza», il 25 ottobre 2018 nell’ambito dello Strategy Innovation Forum.

«Per noi inserire queste persone nel settore primario vuol dire far loro produrre qualcosa che è un’esigenza effettivamente “primaria” per la popolazione, generando una gratificazione – afferma Simionato –. Inoltre questi ragazzi sono degli artisti, perché dipingono a mano ogni etichetta che viene applicata sulle bottiglie di vino. L’unicità della bottiglia passa per il loro disegno».

Una buona pratica quotidiana che non viene ostentata come una strategia di marketing. «È meglio raccontare tutto questo o è meglio che il cliente lo scopra da sé? Propendiamo per la seconda opzione – prosegue il direttore di Fattoria La Costa –. Non ostentiamo il nostro carattere sociale, ma cerchiamo di raggiungere il massimo della qualità. Per noi l’inclusione non è una strategia commerciale, ma una consapevolezza che sta alla base del nostro lavoro».